San Teodoro a Pavia

La chiesa di San Teodoro era sicuramente in costruzione nel 1185 per essere terminata probabilmente nel 1220. La struttura della chiesa risente dei restauri dell'inizio del '900 durante i quali la facciata stata ricondotta ad un aspetto romanico e la navata stata rialzata.

La facciata ha assunto il profilo a capanna durante i restauri moderni. In quella fase stata ripristinata la galleria ed stata aperta la triora al posto del rosone cinquecentesco.

Si notino l'elaborato cornicione e l'utilizzo dei baini ceramici, entrambi caratteristici del tardo romanico pavese.

Il fianco della chiesa presenta la stessa successione di contrafforti presenti in facciata.

Il transetto appena sporgente in pianta. Al di sopra sporge il tiburio, costituito da un corpo inferiore caratterizzato da una galleria di archi su colonnine, da uno superiore molto pi stretto e da una lanternino cinquecentesco.

Il prospetto orientale caratterizzato da tre absidi coronato dal consueto motivo ad archetti pensili.

L'interno a tre navate su pilastri polistili dai semplici capitelli cubici. Il presbiterio rialzato sulla cripta risalente al XIII secolo.

I capitelli della cripta sembrano risalire ad una data anteriore alla costruzione, per lo spirito ancora romanico dell'esecuzione.

Alcuni capitelli fanno parte di un gruppo caratterizzato da due giri di foglie e testine umane agli spigoli.

Anche gli altri capitelli riprendono temi romanici, quali aquile e sirene, o propongono variazioni del capitello a decoro vegetale.