PAVIA-PRO PATRIA-3-1 (Nordi, Breviario, Carbone, Gheller)

Il Pavia centra la seconda vittoria in questo campionato. Tre punti indiscutibili, aggiungiamo noi, ottenuti a scapito di una Pro giunta a Pavia con la difesa meno battuta del girone (5 gol subiti in 9 partite) ma che in riva al Ticino ne becca 3 nel giro di un tempo.
Ora gli azzurri raggiungono quota 9 lasciando l'ultimo posto proprio ai bustocchi; il penultimo posto non è certo posizione tranquilla, ma ci sono ben 10 squadre tra i 10 ed i 13 punti. Con un po' più di continuità il Pavia è in grado di rimettersi in carreggiata.
Ma andiamo per ordine. Gli azzurri scendono in campo con una formazione priva di tutta la difesa. Torresani decide di schierare Crippa e Ferraro centrali con Todeschini a sinistra e Gheller a destra. A metà campo c'è il ritorno di Ambrosoni che fa coppia con Breviario. Quindi Gilardi sull'ala destra e Ciccio Cardamone a svariare. In attacco Nordi e Inacio.
Parte discretamente il Pavia con un tiro a lato di Inacio, poi è la Pro a sfiorare il gol con Corti ma Bressan devia in angolo.
Al 17', il gol azzurro. Su un cross in area, Nordi di testa disegna una traiettoria imprendibile per Di Sarno. E' l'uno a zero; sopratutto, è il gol di Nordi che finalmente si sblocca.
Il gol subìto gela la Pro che fa fatica a riprendersi anche perchè l'attacco, francamente, è ben poca cosa. Senza nulla togliere comunque a Crippa e Ferraro che sembra giochino insieme da anni. Entrambi meritano un 7 in pagella considerando che il primo era alla sua prima partita e il secondo quasi.
L'unico pericolo dei bustocchi arriva al 28' quando Ambrosoni sulla linea respinge un pallone destinato a finire in rete. Tre minuti dopo arriva il raddoppio. Breviario arriva al limite dell'area, vede Di Sarno fuori dalla porta, e lo beffa con una traiettoria perfetta.
E' il due a zero e il Comunale esulta come ai bei tempi.
Tutto lascia pensare che due gol in un tempo siano già tanti. Invece c'è spazio per altre emozioni.
Al 41' Carbone in mischia risolve al volo dopo corta respinta della difesa azzurra. Al 45' Gheller ristabilisce le distanze con una punizione dal limite deviata da un difensore della Pro Patria.
Finisce il primo tempo tra gli applausi del pubblico pavese. In effetti abbiamo visto un Pavia pimpante, copia della squadra vista contro il Lumezzane ma, se possibile, ancora più convinta.
Nel secondo tempo gli azzurri controllano, forse troppo, sbagliano un paio di contropiedi favorevolissimi con Inacio ma nel complesso disputano una buona ripresa.
La Pro Patria, dal canto suo, facilita enormemente il lavoro degli azzurri non rendendosi mai pericolosa. I bustocchi hanno giocato molto male meritandosi la contestazione dei circa 100 tifosi giunti da Busto.
Da segnalare il sostegno grande e incondizionato dei tifosi pavesi. Sostegno giunto da tutti i settori dello stadio che hanno aiutato i giocatori con un tifo caldo e corretto (a parte un piccolo gruppetto di Indians che, con il Pavia sul 2 a 0 non hanno trovato di meglio che prendersi a botte....).
Ancora una volta, insomma, le vittorie giungono grazie al contributo di tutti.
Il Pavia ha i numeri per salvarsi. Sopratutto, ha un allenatore capace che anche oggi, con una squadra in emergenza, ha schierato un 11 titolare in grado di far bella figura.
Domenica prossima si va a Cittadella, stavolta per confermarsi.

 

(3 novembre 2003) Gazzetta dello Sport

Pavia, il risveglio con Nordi

 MARCATORI: Nordi (Pa) al 16' , Breviario (Pa) al 31' , Carbone (PP) al 42' , Gheller (Pa) al 45' p.t. PAVIA (4-4-2): Bressan 6,5; Gheller 6,5, Ferraro 7, Crippa 7, Todeschini 6; Gilardi 6 (dal 42' s.t. Vecchi s.v.), Breviario 7, Ambrosoni 7, Cardamone 6 (dal 22' s.t. Gambadori 6,5); Nordi 6,5 (dal 48' s.t. Rossini s.v.), Inacio 6. (Reggiani, Barbieri, Aloe, Garbero). All. Torresani. PRO PATRIA (3-4-3): Di Sarno 5; Salvalaggio 6, Zaffaroni 6,5, Annoni 5 (dal 36' p.t. Mariotti 6); Dato 5,5, Carbone 6 (dal 20' s.t. Trezzi 6), Boscolo 6, Imburgia 6,5; Corti 6, Morante 5 (dal 35' s.t. Karasavvidis s.v.), Kalu 5,5. (Capelletti, Gilardengo, Mariani, Arioli). All. Muraro. ARBITRO: Di Fiore di Aosta 6. NOTE: spettatori 2.500 circa (920 paganti, 1.225 abbonati), incasso di 15.174,54 euro. Ammoniti Todeschini e Corti. Angoli 7-4 per la Pro Patria. PAVIA Il primo gol di Nordi, una magia di Breviario e una punizione di Gheller: basta un tempo al Pavia per mandare ko la Pro Patria e cederle l' ultimo posto. Privo per squalifiche e infortuni dell' intera difesa, Torresani ha trovato sostituti all' altezza. Primo gol con un colpo di testa di Nordi, il raddoppio con un pallonetto di Breviario. Dopo l' 1-2 di Carbone in mischia, Gheller, con tocco della barriera, trafigge ancora Di Sarno. Nella ripresa la Pro non trova sbocchi. Claudio Stefanizzi

Stefanizzi Claudio