PAVIA-PORDENONE-3-1

Pavia entusiasmante! Con tre gol (ma potevano essere molti di più, gli azzurri sommergono i friulani e staccano ulteriormente il Novara, sconfitto a Montichiari.
Domenica migliore non poteva esserci per gli uomini di Torresani che, ancora di più, hanno dimostrato di essere Squadra. Un primo tempo giocato a ritmo incredibile ed un secondo passato a controllare il gioco, mentre il passaparola del Comunale informava di volta in volta sui gol, ben 4, che i novaresi hanno preso in saccoccia da Paolo Chierico & C.
Non si può dire nulla sulla prestazione di oggi degli azzurri. Tutti bravi, tutti convinti che la C1 è ormai questione di poche partite, magari festeggiando la matematica proprio a Novara. Ma torniamo con i piedi per terra. Pomeriggio temperato al Fortunati e Torresani che mette in campo Stocco per Zocchi e Crippa per Ambrosoni (il primo infortunato, il secondo squalificato). Se qualche dubbio poteva esserci in qualche tifoso...beh....il Pavia lo spazza via subito con il gol di La Cagnina. Al 2' minuto, infatti, Gheller mette al centro un cross molto invitante: non riesce la deviazione a Nordi, ma ci pensa Josè di testa ad infilare il portiere neroverde.
Pavia già in vantaggio, quindi, ma ancora affamato di gol. Si vedono delle belle azioni, una manovra fluida e piacevole con Gambadori uomo-ovunque e Crippa a dettare le geometrie. Sulle fasce, poi, Cardamone e Gheller dominano, ben aiutati da La Cagnina e Inacio che spaziano a tutto campo. In mezzo, come una boa, Nordi, che smista palloni a meraviglia. Il Pavia va vicino al gol ripetutamente con Nordi e Inacio fino al raddoppio, giunto al 25' grazie ancora a Mavillo Gheller che crossa dalla destra. La palla attraversa tutta l'area fino a quando Nicola Stocco, solo sul secondo palo, inzucca in gol. E' il due a zero e la partita è virtualmente finita. Anche perchè gli azzurri continuano a premere ed il Pordenone non riesce ad esprimere un'azione degna di nota. Mandrelli, infatti, viene chiamato in causa solo per qualche uscita ma per il resto rimane inoperoso.
Nel secondo tempo, il Pavia decellera cercando di controllare il gioco e ci riesce benissimo. Il Pordenone, invece, non preme neanche troppo con Pasa e Pittana assolutamente innocui e privi di idee.
Al 6', il Pavia fa il tris: Nordi riceve un cross in piena area e fa da torre toccando in mezzo per La Cagnina: Josè viene steso senza complimenti e per l'arbitro è chiaramente rigore.
Se ne incarica Nordi che spiazza il portiere ospite e porta a 67 le reti realizzate in maglia azzurra.
Il prosieguo della partita non offre più molto: da segnalare l'ingresso di Dondo finalmente ristabilito e quindi di Liverani e Buglio.
Il Pordenone trova il gol della bandiera a 15 dal termine grazie ad una dormita della difesa e deviazione sottorete di Pedriali ma ormai il risultato è al sicuro. Finisce tra gli applausi dei tifosi all'indirizzo dei giocatori e tutti a festeggiare grazie anche alla sconfitta del Novara.
Domenica si andrà a Biella ed il Pavia potrà contare sul rientro di Ambrosoni e Zocchi.