PRO SESTO-PAVIA-3-1 (Nordi, Maiolo, Putelli, Maiolo)

Le motivazioni hanno fatto la differenza. Ma mica troppo.
Oggi il Pavia non ha demeritato. Il caldo ha costretto le due squadre a rallentare il ritmo ma la Pro certo non ha fatto granchè per vincere. Con il miglior Pavia non avremmo avuto difficoltà a strappare i tre punti.
Ad ogni modo andiamo per ordine. Torresani dà spazio a Sanavio, Liverani e Stocco in difesa (fuori Zocchi, Preite e Todeschini), Buglio a metacampo (fuori Cardamone). In avanti fiducia ai soliti tre visto che Pierotti è ancora malandato.
Inizia al piccolo trotto la partita con il Pavia che fa intravedere buone trame e una Pro che non riesce ad ingranare.
Dopo un paio di conclusioni fuori misura dei padroni di casa, il Pavia va in vantaggio con Nordi che sfrutta un errato disimpegno di Monguzzi e lo batte da circa 30 metri con un pallonetto.
Poi, per tutto il primo tempo, il Pavia tiene in mano il pallino del gioco con la Pro che non riesce a reagire allo svantaggio.
Nel Pavia bene Liverani, Stocco e Gheller nell'inedito ruolo di centrocampista al fianco di Ambrosoni.
Intanto esce Inacio per infortunio ed entra Cardamone che si apposta sulla sinistra a dare una mano a Liverani.
Al 40' pareggia la Pro: Maiolo si libera in area di Sanavio e, con un tocco di esterno, fa partire un pallonetto precisissimo dove Monguzzi non arriva. Davvero un bel gol.
Nella ripresa la Pro ci crede e passa al 56' dopo che Nordi aveva fallito in diagonale il 2 a 1.
Melosi entra in area calcia a colpo sicuro ma Monguzzi respinge. Il rimpallo successivo favorisce di nuovo Melosi e il pallone di infila in rete tra l'incredulità generale.
Per il Pavia si fa dura ma gli azzurri ripartono alla ricerca del pareggio. Purtroppo le occasioni sono poche ma Nordi sfiora il pari al 72' con una gran girata al volo in area che finisce appena alta sulla traversa.
Quindi, all' 81', la Pro fa il tris: Pontarollo se ne va sulla sinistra, effettua un cross dal fondo che taglia l'area diventando preda di Maiolo che, da pochi passi, non fa fatica ad infilare in rete.
Ora la partita è veramente finita. I restanti 10 minuti si giocano per onor di firma.
Domenica prossima ultima gara interna di quest'anno: di fronte il Meda di Gianfranco Motta.