PAVIA-VITTORIA-2-0 (Ciullo 2)

 

Data: 20/4/2005 Ore: 18.00 Stadio: Pietro Fortunati (Pavia)
RETI: 42` Ciullo (P), rig. 60` Ciullo (P)
PAVIA: Bressan, Todeschini (80` Lunardini), Fasano, Urbano, Preite, Bandirali, Gambadori, Papini, Ciullo, Sciaccaluga (87` Colantoni), Ceccarelli (76` Ferretti) - ALL. Marco Torresani
VITTORIA: Petrocco, Priolo (67` Amenta), Pignotti (78` Chiecchi), Fortunato, Ferraro, Sarr, Vasari, Kone, Piovaccari, Sifonetti (53` Manganaro), Ligori - ALL. Ubaldo Righetti
ARBITRO: Antonio Iannone (Napoli)
RECUPERO: 7 minuti (2` pt + 5` st)
AMMONITI: Preite (P), Sarr, Kone (V)
ESPULSI: 88` LIGORI (V)
SPETTATORI: 1418 (523 paganti + 895 abbonati)


Torna a vincere il Pavia. E lo fa soffrendo ma non troppo, piegando un Vittoria che aveva ancora speranze di salvezza.

Non si portavano a casa tre punti da circa un mese e mezzo, un'eternità.

Stanchezza, obiettivi troppo rigidi, mentalità ancora da acquisire.

Ma il Pavia c'è. Magari a sprazzi, magari con amnesie latenti (vedi Busto), ma capace di piazzare la stoccata vincente quando meno te lo aspetti.

Oggi la vittoria è d'obbligo e Torresani schiera la squadra ad una sola punta, Ciullo. Zizzari infortunato e Chiaretti, affaticato, in panchina.

Rientrano Sciaccaluga e Papini, fuori Cardamone per squalifica.

In difesa ancora assente Gorini.

Il Pavia inizia con fatica. Poco movimento, poco gioco. Sciaccaluga tenta invano di innescare Ceccarelli e Ciullo.

In difesa qualche meccanismo necessità ancora di essere oliato, sopratutto perchè Ligori e Piovaccari in velocità possono far male.

Il risultato è una gara complessivamente noiosa, con poche occasioni da rete.

Ci prova Papini al 10' (tiro secco fuori di poco), e al 31' (tiro alto).

Per il resto si giochicchia ma non si riesce mai ad arrivare al tiro.

Per fortuna, al 43', ci pensa Ciullo che di testa su cross al bacio di Sciaccaluga, insacca nonostante la deviazione di Petrocco.

Gol fondamentale per il Pavia che può così affrontare il secondo tempo più tranquillo.

Ed infatti nella ripresa si vede qualcosa di meglio da ambo le parti.

Al 2' il Vittoria va vicino al gol ma Bressan compie un vero e proprio miracolo su Vasari, ribattendo di piede da distanza ravvicinata.

Un minuto dopo è Ciullo che sfiora il raddoppio. Ferraro e Sarr perdono palla, Francesco se ne va sulla sinistra, entra in area e batte a colpo sicuro. Grande intervento di Petrocco che devìa in angolo.

Al 6' Piovaccari su cross di Vasari colpisce di testa da centro area, ma il tiro è debole e Bressan para facile.

Al 16' il Pavia chiude il match. Sciaccaluga batte una punizione dalla trequarti, Bandirali di testa colpisce la traversa. Ceccarelli è lì pronto ad insaccare sulla ribattuta ma viene steso da un difensore del Vittoria che meriterebbe il rosso (più ultimo uomo di così!). Ma l'arbitro, Iannone di Napoli, si limita a fischiare il rigore.

Se ne incarica Ciullo che fa secco Petrocco. Due a zero e partita che si chiude.

Perchè il Pavia non rischia più nulla, anzi. Va vicino al terzo gol più volte (in particolare con Sciaccaluga e Ciullo), ma non affonda e controlla gli attacchi dei siciliani.

Siciliani che tuttavia si perdono presto d'animo e non si rendono mai pericolosi.

Da registrare solamente l'espulsione di Ligori per fallo su Fasano.

Finisce così 2-0, e gli azzurri possono guardare la classifica un po' più tranquilli. Con 6 punti di vantaggio sulla sesta e con la sfida di domenica in casa con la Sangiovannese.

Nel complesso, un Pavia che oggi ha giocato un match non facile. Su tutti, la prestazione di Papini e di Preite. Bene Ceccarelli quando gioca con la "testa" giusta.

Indispensabile Sciaccaluga: senza di lui è grigia, poche balle.