PAVIA-IVREA-2-1 (Bertani, De Martin 2)

 

Prima vittoria stagione del Pavia Calcio. Vittoria giunta al termine di una gara tecnicamente povera ma che gli azzurri hanno saputo affrontare con la giusta mentalità. Mai morti gli uomini di Torresani, tanto da portare a casa 3 punti in rimonta senza mai perdersi d'animo nonostante un primo tempo da incubo. Il mister schiera la stessa formazione di domenica scorsa con Grassi al posto di Todeschini squalificato.
Mister Jaconi conferma gli stessi undici di domenica scorsa, che non avevano sfigurato contro il Venezia e i suoi uomini partono subito forte sfiorando il goal già al 4', con una doppia conclusione dello scatenato Bertani, sul quale ci mette una pezza Casazza. Il 7 arancio-nero mette più volte in crisi Grassi, ma in generale è l'intera retroguardia pavese a soffrire da matti, sulla falsariga di ciò che era successo all'Euganeo.
Ed il gol è solo questione di pochi minuti, perchè al 7' l'Ivrea passa in vantaggio: Bevo perde inopinatamente palla al limite dell'area, Bolla calcia in porta e la sfera, che viene deviata da un difensore pavese, finisce sui piedi di Bertani che indisturbato mette dentro. Gli arancioni continuano ad attaccare e al 23' avrebbero l'opportunità di raddoppiare quando Andreotti smarca magnificamente Pontarollo che si ritrova a tu per tu con il portiere di casa ma viene fermato dal guardalinee per un dubbio fuorigioco. La retroguardia pavese incassa il colpo e ci vogliono davvero una trentina di minuti perchè l'assetto inizi a funzionare a dovere. Sul finire del primo tempo si sveglia il Pavia, che mette paura agli avversari con l'occasionissima capitata a Veronese, che da solo davanti a Caparco tira a lato. Ci prova anche Massaro che calcia fuori.

Il secondo tempo vede subito una sostituzione in casa Pavia: De Martin esordisce in questo campionato entrando al posto di Bevo. Massaro viene dirottato sull'ala destra a puntare Quaresmini e Valdifiori fa coppia in mezzo con Lunardini.
La manovra pavese diventa subito più brillante e veloce. Valfiori non fa più passare un pallone a centrocampo, Veronese, Massaro e De Martin si dimostrano in grado di risolvere la situazione di svantaggio.
Ecco infatti che al 6' della ripresa Massimo De Martin fa esultare finalmente il Fortunati insaccando una bellissima rete. L'Ivrea libera l'area con un lungo rinvio, Bandirali intercetta il pallone e lo rilancio subito in avanti dove De Martin si ritrova smarcato. L'attaccante pavese entra in area e trafigge Caparco con una staffilata al volo di sinistro sul secondo palo.
A questo punto è il Pavia che sale n cattedra: 4 calci d'angolo quasi a seguire in 10 minuti. Al 14' Veronese si trova a tu per tu con il portiere ospite ma il pallonetto sperato non gli riesce. Ma il Pavia ci prova ormai da tutte le parti. Al 17' è Lunardini che tira da fuori area senza fortuna.
Sono le prove generali per il goal della vittoria: Foglio imbeccato da Valdifiori sulla sinistra si libera di un avversario e mette in mezzo un cross perfetto a mezza altezza. Sul pallone di avventa ancora De Martin che in tuffo colpisce di piatto destro insaccando imparabilmente sul primo palo.Siamo al 25' ed il Pavia con gran coraggio ha completato la sua rimonta. L'Ivrea è stordita tanto da non impensierire più di tanto Casazza se non per alcune pericolose mischie in area di rigore che vengono sbrogliate non senza qualche affanno.
E' però il Pavia a sfiorare più volte la terza rete anche nel finale di gara. Con Rossi (entrato al posto di Massaro) che si fa tutta la fascia destra, entra in area, e conclude con un bel destro respinto in corner da Caparco.
Dopo 4 minuti di recupero l'arbitro fischia la fine ed il Pavia esulta per questa vittoria tra le mura amiche.
Un Pavia dai due volti: disastroso nel primo tempo, brillante nella ripresa che ha saputo capitalizzare meglio le occasioni avute. Il cambio di Torresani a metà tempo ha cambiato completamente la squadra. Valdifiori in mezzo rende di più che in fascia, viceversa Massaro ha ridicolizzato più volte Qauresmini mettendo in area molti cross interessanti.
La convivenza Veronese-DeMartin non sarà semplice, ma ad oggi è quel che abbiamo, alternative non ce ne sono.
In difesa si registrano i dolori maggiori. Camillini e Grassi non sono ad ora da C1. Occorreranno ancora tante partite prima di acquisire la necessaria esperienza, e non è detto che basti. Considerando che non si sa quando rientrerà Battaglia, c'è poco da essere ottimisti.
Fa piacere, comunque, vedere come questa squadra di giovani abbia già saputo recuperare per ben due volte lo svantaggio. Non è cosa da poco ed il carattere mostrato fa ben sperare per la corsa salvezza.
I quattro punti conquistati finora ci permettono di guardare al futuro con più ottimismo e di poter affrontare il Grosseto senza avere l'acqua alla gola, in vista del derby del 24 con il Novara.

PAVIA: Casazza, Grassi, Di Fausto, Lunardini, Camillini, Bandirali, Valdifiori, Bevo (dal 1' st De Martin), Massaro (dal 39' Rossi), Foglio.
A disposizione: Cantele, Acerbi, De Stefano, Bigioni, Selleri.
All.: sig. Marco Torresani
IVREA: Caparco, Mercuri, Quaresmini, Piovani, Zappella, Vianello, Bertani, Bolla (dal 23'st Rosso), Bachlechner (dal 35' st Ghizzan), Pontarollo (dal 18' st Spampatti), Andreotti.
A disposizione: Di Sarno,Grancitelli, Motta, Trapella.
All.: sig. Osvaldo Jaconi
Arbitro: Pecorelli di Arezzo
Assistenti: sig. Tremolada di Monza e sig.ra Claudia Frollo di Firenze
Marcatori: Bertani al 6' pt (IV), De Martin (PV) al 6' st ed al 25' st
Ammonizioni: Bertani (IV) al 3'pt, Zappella (IV) al 20'pt, Piovani (IV) al 32'pt, Camillini (PV) al 1'st, Bolla (IV) all8'st, Quaresmini (IV) al 38'st
Espulsioni: Ghizzan (IV) al 44'st
Angoli: 6 a 5 per il Pavia
Recupero: 1' nel primo tempo e 4' nel secondo tempo