PAVIA: Lucenti, Stefanini, D'Agostino, Valentini, Belotti, Fogacci, Bonacina, Mandorlini, Torri (dal 37' st Petresini), Ticli (dal 12' st De Vincenziis), Giaccherini (dal 45' st Convertino).
A disposizione: Cantele, Caracciolo, Todeschini, D'Angelo.
All. Amedeo Mangone
CARAVAGGESE: Casazza, Kwembeke (dal 36' st Germani), Forlani, Linetti, Anesa, Botti, Gullit (dal 23' st Roselli), Mignani, Gambino, Tagliente, Arrigoni (dal 14' st Panzeri).
A disposizione: Desperati, Galimberti, Piraccini, Manzoni.
All. Oscar Piantoni
Arbitro: Sig. Paparazzo di Catanzaro
Assistenti: Sigg. Griffa di Reggio Emilia e Roccasalvo di Catania
Quarto uomo: Santonocito di Abbiategrasso
Ammonizioni: Ticli (PV) al 27'pt, Anesa (CAR) al 43'pt, Arrigoni (CAR) all8'st, Giaccherini (PV) al 19'st, Tagliente (CAR) al 28' st, Convertino (PV) al 47' st
Espulsioni: Mister Mangone al 29' st
Angoli: 9 a 1 per la Caravvagese
Recupero: 3' nel primo tempo e 5' nel secondo tempo

 

Il Pavia è salvo!
Il doppio confronto con la Caravaggese ha visto un Pavia capace di non subire gol per tutti i 180 minuti. Tanto è bastato per salvarsi. Il gol di Giaccherini all'andata aveva fatto pendere pesantemente la bilancia dalla parte del Pavia, ma in questi confronti nulla si può dare per deciso. E così è stato.
I bergamaschi hanno affrontato al meglio il match di oggi: onore delle armi, lo diciamo senza ipocrisie, alla compagine di Piantoni, mister preparato che ha saputo sopperire al divario tecnico tra le due formazioni, interpretando al meglio le due partite. Anche oggi, soprattuto oggi, si è vista una Caravaggese generosissima, capace di creare 6/7 nitide palle gol, e non riuscendo a segnare solo per colpa di un Lucenti in gran forma e grazie ad una traversa che nel finale ci ha salvato il patimento finale.
Detto di Tanone Lucenti match winner, lodiamo la voglia di combattere della squadra, specialmente oggi che senza Carbone oltre ai tanti infortunati (Todeschini, De Martin, Speranza) e squalificati (Donato, De Stefano) il Pavia doveva lottare con tutte le sue forze.
Non si è visto, come detto, un bel gioco: inutile chiederlo in partite così importanti e con la squadra decimata. Si è sofferto e pure tanto, perchè gli ospiti hanno attaccato fin da subito, sfiorando la rete con Tagliente e con un Gambino sempre attento. Gli azzurri, in difficoltà, hanno pian piano risalito la china, ma Torri là davanti è apparso troppo solo, con il rientrante Ticli apparso giù di forma e con Giaccherini isolato sull'out sinistro. A centrocampo, Mandorlini nel ruolo di play-maker ha dato molto, così come un applauso va fatto per un Valentini assolutamente indispensabile e un Bonacina che, nella ripresa, si è fatto trovare praticamente ovunque.
Un centrocampo, tuttavia, molto basso. Utile per difendere e proteggere la nostra coppia difensiva, molto meno bravo nell'attaccare. Gli unici pericoli per la porta di Casazza li ha creati una punizione di Mandorlini nel primo tempo ed una conclusione di Giaccherini nella ripresa. Troppo poco, forse. Ma alla squadra, inedita per l'ennesima volta, si chiedeva un semplice zero a zero. E zero a zero è stato, anche per l'imprecisione sotto porta dei bergamaschi.
Un pareggio che, va detto, risulta stretto per gli ospiti. Le occasioni migliori sono state le loro, e in più occasioni i tifosi pavesi (finalmente in buon numero) hanno tremato.
Arriva alla fine una salvezza sofferta, che sembrava ad un certo punto raggiunta e poi rimessa in discussione nelle ultime due partite.
Servirà da lezione per il futuro? Ne dubitiamo, considerando che sono già due anni che la squadra fatta in estate viene poi regolarmente stravolta.
Vorremo vedere un po' più di programmazione, di rispetto e chiarezza verso i tifosi. Magari, lo diciamo sottovoce, una squadra che venga costruita con criterio e che non necessiti a gennaio di venire ricostruita dalle fondamenta.

 

 

Mangone: “Anche nei momenti di difficoltà non abbiamo mai mollato: ho allenato un grande gruppo e il successo ottenuto è tutto merito loro. Godiamoci la permanenza in C2”

Giaccherini: “Abbiamo meritato la salvezza, purtroppo passando per i play-out. Paghiamo il pessimo andamento di inizio campionato, poi ci siamo ripresi alla grande”

Carbone: “Mi ha bruciato moltissimo il fatto di non aver dato il mio contributo in una partita così importante e decisiva. La salvezza? Ci ho sperato fino alla fine”

Belotti: “Sapevamo di entrare in campo soffrendo fino alla fine. Siamo stati bravi: giocando con il cuore e con molta umiltà abbiamo raggiunto una meritata salvezza”

De Vincenziis: “Come primo anno a Pavia, credo di aver fatto bene: mi sono ritagliato il mio spazio e spero di giocare altrettanto anche nella prossima stagione”

Torri: “E’ stata una giornata bellissima: prima del match eravamo tesissimi, la posta in palio era alta. Nel secondo tempo abbiamo sfoderato una buona prova collettiva”

Lucenti: “Siamo stati bravi a difenderci con ordine. Ci è mancato solo il guizzo finale. Il rigore ? Ci stava. Il mio futuro ? Firmerei a vita per rimanere ancora qua”