PAVIA - CANAVESE 0-2 (0-1)



MARCATORI: Pesenti (CA) al 29' pt, Parisi (CA) al 24' st

PAVIA (3-4-1-2): Cantele 5.5, Belotti 6, De Stefano 5.5, Todeschini 5.5, Fogacci 5, Selleri 6 (dal 12' st D'Agostino 6), Valentini 5 (dal 12'st Stefanini 5), Mandorlini 6 (dal 27' st De Vincenziis 5), Petresini 5.5, Carbone 6.5, Pietribiasi 5.
A disposizione: Lucenti, Donato, Convertino, Gabaglio. All. Alessandro Madocci 5
CANAVESE (4-4-2): Roccati 7, Cirillo 5.5 (dal 13' st Marchio 6), Smania 6, Del Signore 5.5, Maltagliati 6, Carretto 6.5, Abate 6.5 (dal 41' st Pavonessa sv), Lodi 6, Pesenti 6, Parisi 6.5 (dal 46' st Capraio sv), Storno 6. A disposizione: Pinelli, Chianello, Berger, Francioni. All. Massimo Storgato 6.5
ARBITRO: sig. Ostinelli di Como 4
ASSISTENTI: Pennacchio di Faenza 4 e Perrone di Modena
NOTE: Ammonizioni: Del Signore, Pesenti (CA), Fogacci, Pietribiasi (PV). Angoli:2 a 1 per il Pavia. Recupero 1' nel primo tempo e 4' nel secondo tempo.

 

Caporetto pavese in casa con la Canavese. Gli azzurri ripetono l'imbarazzante prestazione dell'esordio col Rodengo, forse anche in peggio considerando la presenza di Carbone.
Attacco abulico, centrocampo inesistente, difesa balbettante. Non c'è stato un reparto a salvarsi questo pomeriggo dal naufragio contro una Canavese che ha svolto diligentemente il suo compitino e che, lo ricordiamo, si trovava ancora a zero punti in classifica.
Non c'è stata partita, in buona sostanza: il Pavia ha subìto notevolmente, mostrando lacune veramente preoccupanti, nonostante ciò che settimanalmente ci viene propinato dalla società.
Anche con Carbone in campo, si è visto molto poco, perchè un solo giocatore non può fare miracoli e la campagna acquisti di quest'anno si sta rivelando, come nella scorsa stagione, fallimentare.
Ci viene da chiedere, in tutta onestà, dove sia la logica in tutto ciò. Quale sia l'obiettivo che sta perseguendo la dirigenza. Dopo aver distrutto un gruppo vincente, si è retrocessi senza lottare. Oggi, a distanza di 12 mesi, siamo ancora qui a soffrire, stavolta in C2, costretti a "rimirare" lo stesso copione. Rodengo e Canavese al Fortunati hanno dominato, meritando la vittoria senza alcun dubbio. Non sappiamo se questi campanelli di allarme siano suonati anche nelle orecchie di chi di dovere. Certo il campionato è cominciato nel modo peggiore possibile. Il nostro centrocampo, reparto nevralgico del gioco, è una tabula rasa. A conferma di ciò, Madocci questo pomeriggio ha sostituito tutti e tre i centrocampisti (Selleri, Mandorlini, Valentini). E' evidente che mancano un paio di giocatori di peso lì in mezzo. Ma, considerandone appunto l'evidenza, pensavamo non fosse necessario scriverlo.
In attacco, inoltre, tre punte sono troppe, soprattuto considerando che il nostro gioco si sviluppa per lanci lunghi e sempre cercando di sfondare per vie centrali. Sulle fasce non abbiamo mai punto. Raramente abbiamo giocato palla a terra. Insomma, un disastro. E se gli avversari mantengono costantemente il possesso della palla, ci viene da chiederci cosa ci stanno a fare tre punte là davanti.
Insomma, c'è tanto da lavorare, ma la sensazione, suffragata da queste prime tre giornate di campionato, è che questa rosa non sia sufficiente per disputare un campionato tranquillo.
Ma in via Alzaia questo, probabilmente, già lo sanno. E quindi: qual'è la logica in tutto ciò?

 

Da Agenfax:


I ragazzi di Madocci non demeritano affatto almeno per i primi 45 minuti di gioco, dove dimostrano buon gioco e soprattutto un ottimo assemblaggio tra i vari reparti ma pagano tantissimo le scelte dell’arbitro e dei suoi collaboratori che hanno davvero lasciato a desiderare, come al 4’ quando il guardalinee alza la bandierina per un fuorigioco inesistente e all’11’ quando si ripete la stessa identica scena vista in precedenza.
Due chiare ed evidenti azioni da gol svanite senza motivo.
La partita è molto equilibrata, il Pavia prende le redini del gioco e aggredisce tutti gli spazi ma le azioni più pericolose le inventano gli avversari, come al 7’ quando un tiro di Parisi termina alto sopra la traversa e pochi secondi dopo quando Cantele si distende bene e blocca il tiro di Storno.
Il Pavia crea tanto grazie alle giocate e alle intuizioni di Benny Carbone, il migliore tra le fila azzurre, ma non riesce a trasformare quello che coltiva, colpa di poca cattiveria agonistica e di coraggio che dimostra Pietribiasi.
Alla mezz’ora la partita si infiamma: su un calcio di punizione di Carbone, Fogacci, solo davanti al portiere, sbaglia un gol clamoroso spedendo il pallone sopra la traversa; pochi secondi dopo la Canavese passa in vantaggio con un colpo di testa di Pesenti sugli sviluppi di un’azione ben costruita e manovrata.
Il Pavia cerca di ristabilire l’equilibrio al 37’ quando Valentini non riesce ad inquadrare la porta sbagliando un colpo di testa ravvicinato e al 41’ quando Carbone, sempre di testa, scalda i guanti di Roccati.
Nel secondo tempo gli azzurri cercano l’immediato pareggio già al 46’ ma il tiro di Pietribiasi viene deviato i calcio d’angolo.
Al 51’ Abate scalda il sinistro ma il pallone termina fuori: sugli sviluppi del calcio d’angolo decretato dall’arbitro, che vede solo lui una deviazione inesistente, la Canavese rischia di allungare il parziale ma i padroni di casa si salvano in qualche modo.
Al 56’ è da applausi una rovesciata di Carbone nell’aria piccola, che evidenzia le doti dell’attaccante ma anche l’ottimo istinto di Roccati che devia in angolo.
I cambi di Madocci, contestati in modo pesante dalla tifoseria, non riescono a cambiare il volto della gara, anzi, la Canavese riesce a raddoppiare al 69’ con una bella rasoiata di Parisi che termina sul fondo della rete.
Da qui in poi non succede più nulla.
Da segnalare, durante l’intero match, la ripetuta contestazione della Nord ai danni di Calisti, che lo incitava a dimettersi dall’incarico di presidente dopo una campagna acquisti giudicata, ai loro occhi, fallimentare.
In questo clima di totale confusione e incertezza in campo e fuori, il Pavia si ritrova già nelle zone basse della classifica.
E il campionato è appena iniziat
o.

http://www.agenfax.it/index.php/content/view/11814/101/