10 Novembre 2002
Pavia-Pro Vercelli-3-0 (Zocchi, Ambrosoni, Nordi)

Ancora una vittoria quella di oggi al Comunale; come contro la Biellese, gli azzurri hanno dato il meglio di sè nel secondo tempo quando gli ospiti sono calati vistosamente e la partita è stata decisa in pochi minuti.
Inizio tutt'altro che pirotecnico con il Pavia alla ricerca di un varco e la Pro non chiusa a difendersi, anzi, protagonista di qualche azione apprezzabile.
Purtroppo, la nota stonata arriva da un altro infortunio, l'ennesimo, questa volta a danno di Rossini. Per lui si sospetta la lesione del crociato. Entra, quindi, dopo nemmeno 10 minuti il buon Liverani, con Cardamone che si accentra al posto di Supermario.
Nulla da segnalare in pratica fino al 41' quando Zocchi, su calcio d'angolo, si fa trovare pronto sul secondo palo e insacca di precisione nonostante l'ultimo disperato tentativo del portiere ospite.
Nella ripresa il Pavia si fa più pericoloso e cerca con più convinzione il raddoppio. Raddoppio che arriva praticamente subito: punizione da 25 metri di Ambrosoni e palla nel sette: gran gol e Comunale in delirio!
Non passano 10 minuti e Nordi fa tris. Su un lancio lungo, Inacio prende l'ascensore, arriva prima del portiere e spizzica il pallone per Nordi che insacca a porta vuota.
L'ultima mezzora, giocata più per onor di firma che altro, vede una Pro in avanti alla ricerca del gol della bandiera, ma la pochezza dell'attacco (con Comi che predica nel deserto) evita a Mandrelli la capitolazione. Da notare che sono ormai 5 partite che il portierone azzurro non prende gol.
Per il resto, bene la difesa dove Zocchi è tornato dopo la squalifica dando beneficio a tutto il reparto. Benissimo Todeschini che si sta guadagnando il posto da titolare. A centrocampo il solito Ambrosoni ha dispensato fosforo a tutto andare ma ha anche corso per quattro.
In avanti, La Cagnina ancora una volta si è sacrificato più di tutti. Cardamone ha svolto bene il compito di Rossini ma dovrebbe cercare di fare un dribbling in meno e un passaggio in più. Comunque molto cresciuto nel secondo tempo quando la benzina del centrocampo bianconero è finita. Inacio ha messo lo zampino sul terzo gol e ha impegnato costantemente la difesa avversaria pressando notevolmente e mettendo in difficoltà il gioco ospite. Omarone, invece, sebbene un po' avulso dalla manovra, ha segnato il secondo gol in due partite e quindi mi sembra inutile ogni commento ulteriore.
Ribadisco: unica nota negativa l'infortunio di Supermario in una fase del campionato difficile con Alto Adige e Novara alle porte. Comunque, vista la prestazione della squadra oggi, ritengo che la sua assenza seppur pesantissima, possa essere uno stimolo in più per tutti. Intanto, abbiamo staccato il Mantova fermato in casa dalla Valenzana e non è cosa da poco.