L'ADDIO A VIRGINIO INZAGHI

 

PAVIA. E’ morto gioved notte il poeta dialettale e storico di Pavia Virginio Inzaghi, uno dei primi scout del dopoguerra a Pavia. Avrebbe compiuto 84 anni questo mese. I funerali saranno stamattina alle 10 alla parrocchia dei santi Primo e Feliciano. La passione per la poesia l’aveva ereditata dal padre “Ccu”; ha fondato negli anni settanta il circolo Culturale Regisole, di cui stato presidente fino al 1990, quando si chiusa l’esperienza, e l’ha poi fatto rinascere. Ha tradotto i vangeli in dialetto e insegnato fino al 2006 il pavese all’Unitre. Venditore della Necchi, ha lavorato in banca per una vita: lascia un’enclopedia in sei volumi sulla storia di Pavia, l’ultimo dizionario del dialetto pavese e un’infinit di poesie. Non pubblicava - ricorda Giovanni Segagni, presidente del nuovo Circolo Regisole -, preferiva far circolare i suoi scritti tra gli amici: dalla Storia di Pavia ai pezzi sulle vie della citt. Don Fabio Besostri, assistente spirituale Agesci della zona Pavia spiega: Ha iniziato con gli scout clandestini durante il fascismo ed stato una figura fondamentale dopo la Liberazione. La mia prima uniforme da lupetto nel 1969 me l’ha comprata lui, Akela d’Italia, e ha lasciato un archivio fotografico sugli scout pavesi.


Addio a Virginio Inzaghi
Il ricordo della pavesit
A Pavia inc tas una vus / che pr tnti an l’ha cant la so storia, / cun scrit prufond e rim armunius, / pr tti l’ stat storica memoria. L’ha tnta am Pavia e l’so dialt / e cun i so scrit n’ha dat dimustrasion, / l’ha las di document, cur e perft, / chi rendan facil al dialt a la pupulasion. In dal cr al g’aviva la puesia, / l’ stata una presiusa eredit, / l’ha sav svilpa cun maestria / la virt da Cecu, so pap. Inc Pavia la s’inchina, / dvnti a l’espresion dla pavesit / e la salda, esprimendag tta la stima: / al tesor ch’al las, giam l’ha immurtal.
Mario Grazioli

 

L’ADDIO, IL RICORDO

Virginio Inzaghi, il maestro per noi che amiamo Pavia

Ricordo che un bel po’ di anni fa, quando Marco Gobbi ed io ci avvicinammo per la prima volta al dialetto pavese, telefonammo a chi ritenevamo un sicuro riferimento storico e culturale in quest’ambito: Virginio Inzaghi. Ci rispose con la sua proverbiale cortesia, offrendoci completa disponibilit e collaborazione. L’ho incontrato l’ultima volta casualmente l’anno scorso, in una mattina d’estate, in via Langosco, nei pressi di corso Garibaldi. Alle mie domande di rito, rispose pacatamente accennando con disarmante e sapiente serenit alla sua malattia, ma quando gli chiesi suggerimenti su qualche angolo di Pavia da poter fotografare, infatti era proprio quello il mio proposito per quella mattina, s’illumin! Mi indic subito un bassorilievo che gli stava molto a cuore, sul lato destro della basilica di San Michele, in via Capsoni, quello che rappresenta l’Annunciazione. Me la descrisse minuziosamente e al termine di una dotta dissertazione enunci con orgoglio e autorevolezza la sua deduzione: ariana! Mi salut subito dopo con un caloroso incitamento: su, andiamo con gioia alla scoperta dei segreti della nostra bella citt! So gi che, nonostante la sua enciclopedica attivit letteraria, queste saranno le frasi e le immagini che riemergeranno nella mia memoria ogni qual volta penser al maestro Virginio Inzaghi.

Silvio Negroni

 

 

PAVIA, GENNAIO 1944

Quella testimonianza di Virginio Inzaghi  

Emanuele Gallotti ricorda Virginio Inzaghi, scomparso gioved scorso, con questa sua poesia per don Angelo Gallotti (1920-1990) con la rievocazione del gennaio 1944 al policlinico di Pavia.  

Par Angelo Galt han scrit di libar / tt qui che ben o ml l’han cunus./ Mi vi cntv e inseril me un sgnalibar / ad l’incontar che mi g vd cun l./ La vra ves la m testimuniansa, / nm a tanti, par la so unuransa.  Genr quarantaqutar. I fascista / dvan la ccia a nm, giuvnt paves / par arests, ma fsam di tepista, / e mands in Germnia... sensa spes.../ Era dificil and via e scap / cul pericul da ves, p, maltrat.  Un rifugio, al mument, l’er l’Uspedl / fingend da ves mal, anca se san: / cume ricvar l’era l’idel / e ‘l veriva i sperans... e i bunaman / eran un psaprt sempar grad / e ins an n’ho prufit prpi ‘nca mi.  In la clinica medica i dutur / testv ’n al puls e i btit dal cr, / i scurlivan la testa pri malur / agh ghera n e nm, cul batacr, / pregvam par pud rest nascost / pijanda i medesin da lur... prupst.  Pregvam... l’era sera, un po’ freschina, / caminvi s e gi pr ’al curidur / e in d’un angul, in lt, s un’alsadina / ghera la Madunina di dulur.../ A le ‘gh guardava, in gran racugliment./ Un giun... e i s c eran lsent...  Parva cal parls a la statta / cume sal fs cun le in gran cunfidensa / e mi gurdvi la so testa erta / pensand ad la m vita l’insipiensa.../ I so did, lentament e invuluntri, / girvan la curona dal rusri.  Qula l, l’era fed, l’era curg... / dentr’ad mi ho sent la m puchsa, / dla so bunt mi ho sent ‘l cuntg... / ms ft arenta e cun risultsa / bisbijand e fasendagh cumpagnia, / ho rispst ai mister dl’Ave Maria.  Tri d... e par l’nima una gran conquista... / ma p riv i suld repblichin, s’han prelev, divis, l’ho prs ad vista, ognidn part pr ’al so destin.../ Agh pensi ads, e ‘d temp n’ pas tant, ma fin d’alura al l’ho stim da sant...

Virginio Inzaghi Pavia