MONZA-PAVIA-2-0

Data: 4/6/2006 Ore: 16.00 Stadio: Brianteo (Monza)

RETI: 5` Bertolini (M), 10` Bertolini (M)
MONZA BRIANZA: Carrara, Campi, Perico, Espinal, Dos Santos, Zaffaroni, Coti, Menassi (75` Magrin), Beretta (70` Egbedi), Bertolini, Pontarollo (60` Tricarico) - ALL. Giuliano Sonzogni
PAVIA: Casazza, Todeschini (91` Pietranera), Fasano, Gorini, Bandirali, Calzi (91` Lunardini), Ceccarelli, La Cagnina, Veronese, Sciaccaluga, Chianese - ALL. Marco Torresani
ARBITRO: Fabrizio Lena (Ciampino)
RECUPERO: 6 minuti (3` pt + 3` st)
AMMONITI: Bertolini, Perico, Zaffaroni (M), La Cagnina, Sciaccaluga (P)
ESPULSI: Nessuno
SPETTATORI: 4123

 

La partita: Sonzogni mette in campo il Monza con il modulo a lui tanto caro, il 4-4-2, con Bertolini a far coppia con Beretta, mentre Torresani risponde con la stessa formazione dell’ andata con la sola novità rappresentata da Todeschini in luogo dell’ infortunato Preite. Parte forte il Monza con Pontarollo che si guadagna una punizione dai 25 metri alla cui battuta va Zaffaroni: palla a lato con Casazza che vigila. Un minuto dopo Sciaccaluga mette sulla lunetta una punizione dall’estremo vertice sinistro dell’ area monzese e Carrara deve uscire coi pugni per allontanare il pericolo.
Al 4’ il gol: Coti si invola sulla fascia destra, supera Fasano e serve Pontarollo, il piccolo undici biancorosso serve un assist al bacio per Bertolini che, scattato sul filo del fuorigioco, infila Casazza con un preciso diagonale. Sei minuti dopo i biancorossi, spietati, raddoppiano grazie ad una felice incursione di Espinal che verticalizza per lo scatenato Bertolini il quale batte nuovamente Casazza bucandogli le mani. Tripudio in campo e sugli spalti.
Da qui in poi il Monza si rintana nella propria metà campo e il Pavia ci prova prima con Chianese che dal limite dell’ area lascia partire un siluro deviato in angolo da Campi e poi sul seguente corner Sciaccaluga indovina una parabola malefica che supera Carrara ma non Santos che provvidenzialmente libera di testa. I biancorossi ci riprovano al 21’ con Pontarollo che con una finta si libera di Fasano e cerca l’ angolino basso con un loft a girare: bravo Casazza nel parare a terra.
Dopo una fase di stanca si rivede il Pavia con una verticalizzazione di Calzi per Sciaccaluga che in area si libera bene di Santos e tenta un diagonale ma Carrara c’è e si accartoccia per impossessarsi della sfera. I biancorossi, sornioni, attendono e appena possono cercano la via del gol e l’ occasione propizia capita a Beretta che dal limite dirige un missile terra-aria che lambisce la traversa. Due minuti prima del riposo ancora il centravanti brianzolo imposta un “ dai e vai” con Espinal e si invola, vede Casazza fuori dai pali e prova a superarlo con un rasoterra che lento termina di un pelo a lato.
Il Pavia sembra annichilito e non dà l’ impressione di poter reagire.
Nel secondo tempo Torresani tenta il tutto per tutto e inserisce Pietranera per Todeschini e Lunardini per Calzi, nella speranza di rendere maggiormente incisiva la manovra offensiva degli azzurri. E’ ancora il Monza però a tentare la via del gol, facilitato dagli ampi spazi che il Pavia ormai concede e su azione di contropiede Coti fugge sulla fascia destra, si accentra e serve l’ accorrente Beretta la cui battta a rete viene contratta dal corpo di Bandirali. Al 52’ Sciaccaluga sbaglia un facile appoggio e Bertolini fa partire un’ azione di rimessa servendo Beretta che entra in area e prova un diagonale ma anche questa volta è bravo Bandirali ad opporsi col corpo. Gli ospiti non riescono però ad organizzare la manovra e i ragazzi di Sonzogni si ripresentano davanti a Casazza con Espinal, solo in area, ma il dominicano tira addosso al portiere ospite, Bertolini riprende e tira ma la palla va a lato. Al 72’ Ceccarelli sfugge alla marcatura di Campi che lo atterra, per l’ arbitro il fallo avviene fuori area tra le proteste degli ospiti che chiedevano il rigore. Sette minuti più tardi Tricarico si incarica di calciare una punizione dai venti metri, prova il rasoterra sul quale Casazza respinge coi pugni. Il Pavia cerca di dimezzare lo svantaggio prima, è il minuto 88’, con Veronese che non sfrutta una mischia in area e poi con Lunardini che dal limite tira un sinistro che si perde a lato veramente di poco.

 

Marco Torresani (ALLENATORE DEL PAVIA) “Abbiamo giocato male, inutile appellarsi all’arbitraggio. Il nostro è stato un torneo un po’ ad alti e bassi. Il Monza di oggi ha meritato di passare, anche se la nostra prestazione non è stata negativa. Ci siamo lasciati sorprendere sbagliando un movimento sul fuorigioco, loro hanno gente svelta, che non perdona e da lì la nostra partita è stata tutta in salita”