IVREA (4-4-2): Caparco 6; Grancitelli 6.5, Della Maggiora 6, Vianello 6, Marfia 6; Motta 6.5 (17’ st Volpato 6), Nicco 6, Andreotti 6 (35’ st Rosso ng), Murante 6.5; Bertani 6, Bachlechner 6 (35’ st Galli ng). A disp.: Nebiolo, Munari, Minorelli, Rabbi. All.: Fortunato 6.
PAVIA (4-1-3-2): Lucenti 6; Donato 6, Fogacci 6.5, Belotti 6, Stefanini 6; Carbone 6.5; Todeschini 6 (11’ st Giaccherini 7), Bonacina 6.5, Mandorlini 6; De Vincenziis 6.5 (17’ st Valentini 6), Torri 6.5 (29’ st De Stefano 6). A disp.: Cantele, Speranza, Convertino, D’Angelo. All.: Mangone 6.5.
ARBITRO: Chericoni di Pisa 5.
MARCATORI: pt 10’ De Vincenziis (P), 21’ Bertani (I); st 13’ Torri (P), 21’ Grancitelli, 30’ Bachlechner (I), 31’ Giaccherini (P). NOTE: ammoniti: Nicco (I), Todeschini (P) per gioco falloso, Torri (P) per cnr. Espulsi: st 16’ Fogacci (P) per doppia ammonizione e 31’ Della Maggiora (I) per fallo da ultimo uomo. Angoli: 5-5. Recupero: pt 1’; st 5’. Spettatori: 500 circa.

 

Punto guadagnato quello del Pavia al pistoni. Gli azzurri allungano per due volte, vengono ripresi e poi superati da un Ivrea in gran forma, poi pareggiano con un eurogol di Giaccherini.
Partita un po' pazza, non ci si è assolutamente annoiati e d'altronde, con questo Pavia, c'è poco da star tranquilli, in tutti i sensi. Ad Ivrea era d'obbligo non perdere, sperando che le altre non vincessero e così è stato. La classifica rimane cortissima e tutt'altro che scontata: ancora nessun verdetto è stato raggiunto e gli azzurri devono guardarsi alle spalle non senza preoccupazione, considerato il calendario molto impegnativo (Lumezzane al Fortunati e poi tutti al Voltini all'ultima).
L'Ivrea, invece, pensava, fino a ieri, ai play-off. Doveva assolutamente vincere e così non è stato. Ma la partita è stata combattuta, ed il risultato in bilico fino alla fine.
Un 3-3 che accontenta più il Pavia che l'Ivrea, se non altro per il numero di occasioni create. Ma gli azzurri l'avevano impostata bene, passando subito in vantaggio. Al 10', i padroni di casa pasticciano su un disimpegno, la palla arriva a Torri che taglia la difesa eporediese con un bel assist per De Vincenziis. Il bomberino entra in area e fa secco il portiere locale con un rasoterra sul primo palo.
L'Ivrea non si scompone, martella sulle fasce e mostra una qualità offensiva apprezzabile. Il Pavia, viceversa, subisce troppo sulla fascia destra, con Donato quasi irriconoscibile.
Proprio dalla nostra fascia destra provengono cross pericolosi sui quali il Pavia soffre e soffrirà fino al termine del match.
Il pari, invece, è tutto di Bertani. Il rilancio lungo, lunghissimo, lo pesa in area tra Belotti e Fogacci. I due gli concedono troppo spazio e lui, da suo solito, si gira rapidamente, dribbla Lucenti e deposita in rete. Tutto da rifare per gli azzurri, anche se in realtà è l'Ivrea che continua a spingere e trova le occasioni migliori. Intanto Fogacci si fa ammonire per un intervento totalmente inutile a metacampo con l'attaccante spalle alla porta e la nostra difesa schierata. Vedremo che alla fine questo giallo peserà tantissimo.
I padroni di casa, come detto, spingono molto. Segnaliamo due colpi di testa finiti fuori, una punizione di Pontarollo centrale ma molto potente parata da Lucenti. Infine, una punizione dal limite allo scadere che finisce alta. Gli azzurri faticano molto a stare alti, una sola occasione oltre al gol.  Al 42' , Carbone lancia Stefanini in velocità, cross in mezzo, girata di Torri al volo fuori. Primo tempo 1-1.
La ripresa ricomincia ancora Pontarollo che scalda le mani a Lucenti. Poi il Pavia cerca di gestire la gara e, fatalmente, commette errori di ingenuità. Su un angolo a favore, Mandorlini perde palla. Contropiede 4 contro 2 dell'Ivrea, Bertani sbaglia il diagonale clamorosamente. Dopo due minuti,  Pontarollo ne salta tre e conclude alto. Pavia nel pallone, troppi disimpegni errati. Intanto, entra Giaccherini per uno spento Bonacina. Al 12', passa il Pavia, inaspettatamente. Angolo di Carbone in area, svetta Torri che insacca con una bella capocciata di testa.
Non passano due minuti che Fogacci si fa espellere: l'ammonizione stavolta è per aver atterrato un avversario lanciato sulla trequarti. Il demerito, però, va tutto a Carbone che si era fatto soffiare il pallone aprendo il contropiede piemontese.
Si vede il Pavia con una bomba di Mandorlini di poco fuori, ma poi è solo Ivrea. Sulle palle alte è una sofferenza. E al 19', arriva puntuale il pareggio. Angolo per l'Ivrea: il tre non viene neanche guardato da nostri, entra in area e passa all'indietro per l'accorrente Grancitelli che di destro al volo insacca sotto la traversa. Galvanizzati, i locali cntinuano a premere e fanno bene perchè il Pavia non ci capisce più nulla. Il prologo del terzo gol è di Bertani che, pescato solo in area sulla sinistra, spara in bocca a Lucenti. Al 29', però, l'Ivrea passa in vantaggio. La palla è al limite dell'area, l'assist filtrante è per Bachlechner che di sinistro di potenza batte Lucenti.
Sul 3-2 e in 11 contro 10 sono pochi i pavesi che ancora ci credono. Fra questi, Carbone e Giaccherini che un minuto dopo confezionano un gol da categoria superiore. Benny se ne va sulla sinistra, mette in mezzo un cross a mezz'altezza sul quale si avventa Giaccherini che di destro al volo piazza la palla sul secondo palo: tiro imparabile e 3-3!
Il finale, che non riserva grandi emozioni, vede solo l'espulsione del numero 5 dell'Ivrea, reo di aver atterrato Giaccherini lanciato a rete.
Poi è solo una serie di passaggi a centrocampo di due squadre che, paghe del pari, e stanche per l'impegno profuso, tirano i remi in barca.
Più contento il Pavia, che vede la salvezza più vicina (ma non troppo). Un po' meno l'Ivrea, che ha giocato un buon match ma che vede sfumare il sogno dei play-off e riaprirsi, seppur parzialmente, l'incubo play-out.
Una partita bella, intensa, senza pause. Questo ciò che i circa 100 pavesi presenti al Pistoni hanno potuto vedere. Difese non esenti a colpe, certamente. Ma anche due squadre che hanno giocato senza alcun tatticismo dando fondo a tutte le energie.
Bene il Pavia da metacampo in su. Poco incisivo nella zona nevralgica del campo, un po' disattento in difesa. Ma è il film di tutto il campionato. Certo gli azzurri in questo 2008 stanno dimostrando di meritare ampiamente la salvezza. E, aggiungiamo, con questa squadra fin dall'inizio avremmo potuto lottare per la C1. Ciò non toglie che la salvezza è ancora da raggiungere. E gli ultimi due impegni sono tutt'altro che semplici.

 

 

Sport - Ivrea - 21/04/2008 Contro il Pavia l’Ivrea non riesce a spiccare il volo verso i playoff
A cura di Augusto Conedera Dopo cinque risultati utili consecutivi l’Ivrea cerca la vittoria che sancisca la definitiva salvezza e la possibilità di accedere ai playoff; mister Fortunato schiera Caparco in porta, Grancitelli, Della Maggiora, Vianello, Marfia in difesa, Motta, Nicco, Andreotti e Murante a centrocampo, Bertani e Bachlechner in attacco.

Tempo nuvoloso, terreno in ottime condizioni, presenti circa 800 spettatori, con buona rappresentanza ospite; arbitro Michele Chericoni di Pisa, assistenti Andrea Cologno di Verbania e Fabiano Preti di Mantova.

Inizio in attacco per l’Ivrea con un bel tiro di Murante fuori di poco al terzo minuto; al 6° bel tiro di Andreotti parato da Lucenti. Al 10° perde palla Andreotti a trequarti campo, Bonacina serve De Vincenziis che s’invola e trafigge Caparco con un preciso rasoterra; al 14° Murante da trenta metri fionda su punizione, Belotti respinge; un minuto dopo il primo cartellino giallo: è per Fogacci, per fallo a centrocampo su Bachlechner. La punizione è calciata da Andreotti, Bertani messo giù da Belotti ma l’arbitro fa proseguire.

Al 19° Marfia dalla sinistra mette in mezzo e Bertani di testa impegna Lucenti; al 21° grandissimo gol di Bertani che elude la marcatura di Belotti e, raccogliendo un perfetto lancio di Andreotti, insacca alle spalle dell’esterrefatto Lucenti. Al 31° angolo di Murante e Vianello di testa lambisce il palo alla destra di Lucenti; altra offensiva arancione al 32° con Grancitelli per Motta che di testa mette alto sulla traversa. Al 35° punizione di Carbone e Marfia allontana di testa; un minuto dopo Andreotti su punizione impegna Lucenti con una difficile parata a terra e Bachlechner al 38° non riesce nella deviazione vincente su assist di Murante. Al 39° ammonito Todeschini per fallo su Motta e Murante costringe alla parata con i pugni il super impegnato portiere ospite; pericolo per l’Ivrea al 41° quando Torri gira in area un cross di De Vincenziis e lambisce il palo alla destra di Caparco. Al 42° dal limite ci prova Nicco e Lucenti para a terra; al 45° Belotti atterra Bachlechner al limite, Marfia alto sulla traversa.

Si torna in campo con le formazioni del primo tempo: l’Ivrea parte subito in avanti: angolo di Murante respinge Belotti; al 3° fallo di Fogacci su Bertani, Andreotti dalla distanza impegna Lucenti. Si fa vivo anche il Pavia: Carbone per Torri e Marfia si rifugia in angolo; all’8° Nicco sradica la palla a Carbone, serve Bertani che supera in velocità Fogacci, tiro del bomber e palla che esce di poco alla sinistra di Lucenti, con Murante e Bachlechner meglio piazzati a destra. Al 10° bellissimo slalom di Andreotti che purtroppo calcia altissimo da buona posizione.

Inizia il valzer delle sostituzioni: all’11° nel Pavia esce Bonacina per Giaccherini. Al 12° angolo di Giaccherini e Marfia nel tentativo di liberare per poco non trafigge Caparco che però viene superato da un colpo di testa di Torri al 14° e porta in vantaggio il Pavia; ammonito Torri che si è tolto la maglia dopo il gol.

Al 16° secondo cartellino giallo per Fogacci per un fallo su Murante ed espulsione per il centrale pavese; nel Pavia esce De Vincenziis per Valentini e nell’Ivrea Motta per Volpato. Subito Volpato pericoloso di testa, palla fuori; al 19° Della Maggiora salva sulla linea una conclusione di Torri. Al 20° Andreotti sfiora il gol, e un minuto dopo Grancitelli su assist di Murante coglie il meritatissimo pareggio con un gran tiro sotto la traversa.

Alla mezz’ora Bachlechner porta in vantaggio l’Ivrea con un bel tiro su assist di Nicco; al 31° sul rovesciamento di fronte pareggia il Pavia con Giaccherini che insacca sul cross di Carbone dalla destra. Al 32° ammonito Giaccherini per gioco ostruzionistico; al 34° fallo da ultimo uomo su Giaccherini e Della Maggiora viene espulso. Al 35° nell’Ivrea esce Bachlechner per Galli e un minuto dopo Andreotti per Rosso; cinque minuti di recupero, ma finisce 3 a 3.

http://www.localport.it/eventi/notizie/notizie_espansa.asp?N=31046

 

 

 

PAVIA - OLBIA   3-3     (1-1)

MARCATORI:
11' De Vincenziis (P), 22' Bertani (I), 59' Torri (P), 66' Grancitelli (I), 76' Bachlechner (I), 77' Giaccherini (P)

IVREA (4-4-2): Caparco 5.5; Grancitelli 6.5, Della Maggiora 5, Vianello 6, Murante 6; Motta 6.5 (63' Volpato 5), Andreotti 6.5 (82' Rosso sv), Nicco 5.5, Marfia 6; Bachlechner 6.5(81' Galli sv), Bertani 7.(a disp.: Nebiolo, Munari, Minorelli, Rabbi). All.: Daniele Fortunato 6
PAVIA (5-3-2): Lucenti 5; Stefanini 6, Donato 6, Fogacci 5, Belotti 5.5, Todeschini 4.5; Bonacina 5 (56' Giaccherini 7), Carbone 6.5, Mandorlini 6.5; Torri 6.5 (74' De Stefano sv), De Vincenziis 6.5 (62' Valentini 5) (a disp.: Cantele, Speranza, Convertino, d'Angelo) All.: Amedeo Mangone 6.5
ARBITRO:  Chericoni 5 (Cologno 5.5, Preti 5)

NOTE: giornata fredda e nuvolosa, terreno in ottime condizioni. Spettatori: 600 circa (incasso non comunicato). Ammoniti: Nicco (I), Todeschini, Torri, De Vincenziis (P). Espulsi: Fogacci (P), Della Maggiora (I). Angoli: 7-5. Recupero: 1' p.t., 5' s.t.
___________________________
Dal nostro inviato Massimiliano Marino  -  Sei gol, quattro ammonizioni, due espulsioni, calcio champagne e tanto divertimento: in pratica, Ivrea - Pavia si riassume così. Il 3-3 finale, frutto di un match rocambolesco e imprevedibile, non accontenta nè l'Ivrea, alla quale servivano i tre punti per tenere aperto il discorso play-off, nè il Pavia, che d'altra parte ha sfruttato l'occasione per guadagnare un punto importante in ottica salvezza. Partono bene i padroni di casa, fin da subito intraprendenti e molto aggressivi a centrocampo, anche se è il Pavia a passare subito in vantaggio all'11' grazie ad un pallone recuperato da Bonacina che vede l'inserimento di Torri il quale, spalle alla porta, serve l'accorrente De Vincenziis che insacca l'1-0. Ma il momento di euforia dura poco perchè al 22' Bertani sfrutta il lungo rinvio di Caparco, approfitta dell'ingenuità di Lucenti e sigla il momentaneo pareggio. Al 33' Motta spreca una ghiotta occasione sparando alto di testa un invitante cross di Grancitelli mentre al 41' una girata mancina di Torri fa la barba al palo. Nel secondo tempo, il tecnico Mangone avanza la posizione di Carbone a sostegno delle punte posizionando Todeschini a centrocampo e spostando il baricentro azzurro. Mossa azzeccata perchè al 59' Torri sigla l'1-2 incornando di testa un corner del neo entrato Giaccherini. Gli ospiti hanno subito l'occasione per chiudere la partita ma Giaccherini prima e Mandorlini poi falliscono l'appuntamento con il gol. Allora ci pensa Grancitelli al 66' con un gran destro sotto la traversa a pareggiare nuovamente i conti. Al 76' Nicco trova il varco giusto per servire Bachlechner che, a tu per tu con Don Tano, realizza il momentaneo vantaggio. Un minuto dopo tutto da rifare: Giaccherini si beve mezza difesa arancione e insacca per la terza volta alla spalle del disperato Caparco. Nel finale non succede più nulla: Pavia e Ivrea si accontentano di un punto guadagnato con le unghie e con i denti. Un punto che per il Pavia si chiama quasi salvezza.

http://www.agenfax.it/index.php/content/view/16118/145/