CUNEO-PAVIA-1-2

 

 

Pavia: Cantele,Belotti,Todeschini,Fogacci,De Stefano,Selleri,Valentini,Mandorlini,Carbone,Petresini,Pietribiasi.
Cuneo:Ivaldi,Sapetti,Schettino,Doardo,Feliciello,Gattari,Colombo,Cristini,
Barbieri,Garavelli,Scapini.

 
Buona vittoria del Pavia.
Si è sofferto, ma d'altronde questa è una squadra che ha dei limiti e lo sappiamo.
Oggi comunque si è visto un Pavia decisamente più pericoloso in attacco e un po' più quadrato dietro, dove Madocci ha schierato una difesa a 4 con Fogacci, Belotti, Tode e De Stefano.
Prima azione degna di nota al 10':tiro a lato di Scapini del cuneo.
Ma un minuto dopo, il Pavia passa al primo affondo. Carbone esibisce un numero da antologia sulla linea di fondo, dribbla un avversario, mette a sedere il secondo e piazza un pallone in mezzo all'area sul secondo palo, direttamente sul testone di Valentini che corregge a rete. Gran bel gol e decisivo Benny Carbone.
Il Cuneo reagisce e in due minuti mette sotto pressione il Pavia. Al 12', cross in mezzo e spaccata sottorete fuori di un paio di metri. Al 14', tiro da fuori del numero 8: para in due tempi Cantele.
Ma è una reazione che dura poco perchè il Pavia appare padrone del campo e già al 16'Belotti su angolo colpisce il palo esterno.
Al 21': Mandorlini scaglia una sassata da 30 metri, il portiere Ivaldi alza in angolo non senza difficoltà.
Al 25' ci prova Carbone; il suo tiro finisce a lato da fuori area.
Al 26': mischia in area pavia, libera Belotti.
Dopo soli tre minuti il Pavia raddoppia: lancio lungo dalla metacampo, Selleri anticipa il terzino che colpevolemente si addormenta sul pallone. L'ala azzurra insacca rasoterra sull'uscita del portiere.
Al 35': pregevole girata da fuori area di Petresini appena fuori.
Al 37': mischia in area; Belotti respinge un tiro diretto verso la porta.
Pavia che gioca bene e che mantiene costantemente il possesso della metà campo.
Carbone, dietro le due punte, dà spessore all'attacco, e sgravia di molto il giovane Mandorlini in fase di costruzione. E' di altra categoria e si vede: l'azione del primo gol è una sua creazione meravigliosa con un cross messo perfettamente sulla testa di Valentini.
A centrocampo, Selleri a sinistra, Valentini a destra e Mandorlini in mezzo mantengono il controllo del gioco.

Nella ripresa il Cuneo cambia marcia. Pressa, spinge molto e gli azzurri non lo capiscono.
Già al terzo, Cantele devia in angolo un tiro del numero 10.
Sul cross dalla bandierina, Scapini si trova solo soletto sul secondo palo. Un gioco da ragazzi colpire di testa e far secco Cantele.
Al 7', Madocci si copre: esce uno stanco Pietribiasi per Donato. Il Pavia adotta un 4-4-2, con Donato a destra e il Tode dirottato a centrocampo. Carbone aiuta Petresini in avanti.
Al 10' contropiede del Cuneo, per poco non prendiamo il pari, sbroglia Fogacci.
Al 13' tiro debole molto ravvicinato, para Cantele.
Al 15' Pavia in contropiede, salva la difesa piemontese su Carbone.
Un minuto dopo viene ammonito De Stefano per aver allontanato il pallone dopo un fischio dell'arbitro.
Al 21' bella punizione di Carbone, Petresini devia appena alto sul primo palo. Poteva essere l'occasione del raddoppio.
Ma è ancora Carbone a mettere in difficoltà i locali. Al 23' imbecca Selleri che tira al volo, salva il portiere. Al 24' serpentina di Carbone, conclusione secca ma centrale: Ivaldi respinge coi pugni.
Intanto entra Stefanini per Selleri.
Dopo la mezz'ora, i biancorossi attaccano a spron battuto. Al 32' miracolo di Cantele su tiro ravvicinatissimo.
Al 34': tiro del cuneo sul secondo palo, nessuno azzecca il tap-in vincente.
A cinque minuti dalla fine, altro salavataggio di Cantele, mischia furibonda in area, libera infine Valentini.
Nel finale il Cuneo molla un po' la presa, con continui lanci lunghi che trovano ben preparati i difensori azzurri.
Entra D'Agostino per Petresini: è un 5-4-1 con Carbone unica punta.
E dopo 4 minuti di recupero, i tre punti sono finalmente realtà.
Buona prova del Pavia, dicevamo. Però la sofferenza del secondo tempo è stata tanta, e quando la difesa viene pressata alta, va spesso in difficoltà. Occorre migliorare, ma la difesa a quattro ha dato delle risposte decisamente più incoraggianti.
Il Cuneo è sicuramente meno forte del Rodengo. Meno forte a metacampo, terzini impresentabili, attacco poco servito, ma nella ripresa hanno giocato con tanta grinta e per poco non hanno pareggiato: la C2 è questa. Lotterà per salvarsi.


cuneo.jpg (97641 byte)

cuneo1.jpg (87354 byte)

cuneo2.jpg (112791 byte) cuneo3.jpg (132930 byte)
cuneo4.jpg (140465 byte) cuneo5.jpg (93194 byte)
cuneo6.jpg (148416 byte) cuneo6.jpg (148416 byte)
cuneo7.jpg (135405 byte) cuneo8.jpg (95662 byte)
cuneo9.jpg (125933 byte) cuneo10.jpg (91478 byte)
cuneo11.jpg (107435 byte) cuneo12.jpg (123036 byte)